6 fatti che dovresti sapere prima di guardare 'A Charlie Brown Christmas' — 2022

Un Natale alla Charlie Brown originariamente in onda il 9 dicembre 1965 sulla CBS e da allora è stato considerato uno dei film natalizi più apprezzati e tradizionali fino ad oggi. Sebbene sia diventato un classico senza tempo ogni anno quando arriva il Natale, i registi e i produttori avevano originariamente previsto che la prima sarebbe stata un completo disastro.

Lo speciale era originariamente basato sulla creazione dei Peanuts di Charles M. Schulz nel 1950. Dal fumetto originale e dai classici del cinema vintage, è in corso una continuazione del franchise di Charlie Brown, la sua uscita più recente è Il film dei Peanuts nel 2015. Ecco 6 fatti che devi sapere prima di guardare Un Natale alla Charlie Brown !

1. Charles Schulz non era interessato all'animazione

Wikipedia



L'uomo che ha creato tutto non era interessato all'animazione. Sin dal debutto dei Peanuts negli anni '50, Schulz aveva ricevuto una sfilza di offerte per adottare i personaggi per la produzione cinematografica e televisiva. Molti giovani lettori hanno anche scritto a Schulz chiedendo quando Snoopy sarebbe tornato alla vita animata, a cui ha risposto: 'Ci sono alcune cose più grandi al mondo dei cartoni animati televisivi'.



Schulz alla fine permise a Charlie Brown di apparire negli spot pubblicitari per il Ford Falcon all'inizio degli anni '60 e ben presto Bill Melendez è stato nel team di animazione per aver dato vita al franchise perché a Schulz piaceva il suo stile semplicistico.



2. La voce di Snoopy è un'assurdità accelerata dall'animatore

Lee Mendelson Films

Schulz ha detto a Melendez, il suo animatore, che non voleva che Snoopy fosse in grado di parlare perché, beh, è ​​un cane e i cani non parlano in modo realistico. Questo è quando Melendez ha deciso di abbaiare e fare rumori in un microfono, quindi accelerare la registrazione per dare vita a quella che conosciamo come la 'voce' di Snoopy.

3. Schulz era profondamente imbarazzato da una scena in particolare ...

Lee Mendelson Films



Schulz è imbarazzato da una scena in cui sembra che i rami dell'albero che Charlie Brown sta tenendo sembrano diventare sempre più grandi man mano che ciascuno di essi progredisce. Ha dato la colpa a due animatori che non sapevano cosa stesse facendo l'altro.

4. Coca-Cola e CBS lo odiavano

Lee Mendelson Films

La CBS e la Coca-Cola hanno dato a Schulz 76.000 dollari per la produzione lo speciale di Natale e lo odiavano assolutamente. In effetti, è stato quasi completamente demolito. Non solo, ma a quanto pare Schulz ha pensato che il progetto fosse disastroso anche per come è venuta l'animazione. Fondamentalmente nessuno era contento del progetto, ma è andato comunque in onda. Quella sera metà del paese ha assistito alla prima.

5. Schulz odiava davvero la musica jazz

Lee Mendelson Films

Una delle parti più iconiche dello speciale di Natale è la colonna sonora stessa. Completo di bellissima musica jazz di Vince Guaraldi, alcune di quelle canzoni sono diventate tradizione natalizia insieme allo speciale. Schulz in realtà odiava la musica jazz quando era ancora vivo e negli anni passati ha dichiarato a un giornalista di aver lasciato le decisioni musicali a Melendez.

6. La testa di Charlie Brown era apparentemente un incubo da animare

Lee Mendelson Films

Dal momento che Charlie Brown non era mai stato concepito per essere animato (e si rifiutavano di allontanarsi dallo stile originale di Schulz) era presumibilmente molto difficile animare il movimento della testa di Charlie Brown. La forma rotonda rendeva difficile capire quando Charlie si stava girando e le sue braccia erano realisticamente troppo piccole per raggiungere la sua testa.

Cosa ne pensi di questi fatti su Charlie Brown e, in particolare, Un Natale alla Charlie Brown ? Essere sicuri di CONDIVIDERE questo articolo con i tuoi amici e familiari!