Ecco come potresti effettivamente spedire un bambino all'inizio del 1900 — 2022

potresti spedire un bambino all

Il sistema di consegna del mondo moderno ci ha reso le cose eccezionalmente più facili. Cosa con USPS , FedEx e UPS, in cima ad Amazon, sembra un gioco da ragazzi ordinare le cose e farle arrivare a casa, a volte il giorno successivo. Il recapito della posta si è notevolmente evoluto negli ultimi decenni, e sicuramente in meglio, in particolare perché le persone erano in grado di spedire effettivamente un bambino all'inizio del 1900.

Sì, davvero. All'inizio del 1900, il servizio postale degli Stati Uniti era la fonte principale di posta consegna e trasporto pacchi. In seguito furono aggiunti pacchi e nel 1913 le persone potevano spedire invii oltre quattro sterline. Ciò significava che era possibile spedire un bambino per posta, e le persone lo facevano davvero.

Ecco come potresti spedire un bambino all'inizio del 1900 ... sul serio

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Michael (@michaelkrivich)




Ecco un esempio di vita reale. I genitori Jesse e Mathilda Beagle dell'Ohio hanno spedito il loro bambino di otto mesi, James, alla nonna del bambino. Viveva a poche miglia di distanza e gli è costato solo $ 0,15 per spedirlo. Hanno anche assicurato il figlio per $ 50 nel caso si fosse perso per strada.



RELAZIONATO: In un'epoca di servizi di streaming, oltre due milioni di persone ricevono ancora DVD Netflix per posta



Storie come questa hanno iniziato a diffondersi a macchia d'olio e alla fine hanno dato ad altri genitori l'idea di spedire anche i loro figli. Un altro esempio è Charlotte May Pierstorff, che aveva solo quattro anni quando fu trasportata in treno per 73 miglia fino alla casa dei nonni in Idaho. Era il 1914. Secondo Vecchia cosa polverosa , un bambino è stato persino spedito fino a 720 miglia. Fu a quel punto che l'USPS stabilì una regola che gli insetti e le api erano le uniche cose che potevano essere spedite. Probabilmente per il meglio!

Fare clic per il prossimo articolo